Piattaforme Trading Online: le migliori 7 sicure e facili da usare

Piattaforme Trading Online: le migliori 7 sicure e facili da usare

Scegliere la nostra piattaforma di trading online è uno dei primi passi che dobbiamo fare per entrare nel mondo del trading. Ce ne sono tantissime: quelle più professionali e quelle più facili da usare, quelle più affidabili e quelle meno affidabili. Con così tante piattaforme in circolazione è difficile orientarsi, per cui abbiamo utilizzato dei criteri oggettivi per selezionarle e classificarle.

In questo modo abbiamo ristretto l’elenco a sole 7 piattaforme. I criteri che abbiamo utilizzato spaziano dalla quantità di strumenti di analisi tecnica fino alle soluzioni di trading automatico; nella seconda parte della guida sono spiegati in dettaglio. Una piattaforma, però, si valuta anche in base ai gusti personali e alle esigenze che cambiano da trader a trader. Per questo abbiamo comunque diversificato l’elenco in modo da proporre soluzioni per diversi approcci agli investimenti online.

elenco e presentazione delle migliori piattaforme di trading online in Italia
Scopriamo una per una le migliori piattaforme di trading online

1. eToro

eToro (visita il sito ufficiale) è un broker online molto conosciuto, con clienti sia in Europa che negli Stati Uniti. Ha una sua piattaforma proprietaria che gode di grande riconoscimento, soprattutto tra gli investitori che desiderano iniziare in un modo semplice, sicuro e conveniente il loro percorso.

La piattaforma è infatti molto semplice da utilizzare, anche se non si ha esperienza. Inoltre possiamo testarla in modalità demo, facendo trading con un capitale di 100.000$ virtuali per allenarci, senza limiti di tempo. Una delle funzionalità più famose di questa piattaforma è il CopyTrading, grazie alla quale possiamo copiare in automatico le mosse di altri investitori. In questo modo, volendo, possiamo copiare trader più esperti di noi senza pagare nessun extra.

La piattaforma di eToro offre anche una lunga serie di strumenti di analisi tecnica, i principali dati di bilancio per ogni società e il social trading. Si tratta di un vero e proprio social network dedicato al trading online interno alla piattaforma di eToro.

Oltre a offrire una piattaforma molto competitiva, eToro è un servizio che ha vari altri punti di forza distintivi. Il principale è la possibilità di investire in azioni senza commissioni, quando la maggior parte delle banche italiane chiedono dai 10 ai 20 euro per eseguito. Oltre alle azioni, è possibile comprare criptovalute senza commissioni e conservarle al sicuro direttamente sul proprio account di trading.

Possiamo sfruttare la piattaforma di eToro per qualunque tipo di operazione: possiamo investire sul lungo termine in azioni e ETF, oppure fare trading speculativo in leva sul Forex. Con oltre 7.000 strumenti finanziari negoziabili, è uno dei servizi più completi e innovativi in assoluto.

Clicca qui per il sito ufficiale di eToro.

 

2. XTB (xStation 5)

XTB (visita il sito ufficiale) è uno storico broker online, quotato in Borsa e da anni rappresentato dal suo ambassador José Mourinho. Come tutti i servizi menzionati in questa guida, è un broker autorizzato da Consob e pienamente in regola con tutte le normative italiane ed europee.

Uno dei grandi vantaggi di XTB è la xStation 5, la piattaforma di trading che solo questo broker offre ai clienti. Si tratta di un servizio integrato disponibile sia su desktop che tramite applicazione mobile, grazie al quale possiamo fare trading in un modo semplice e allo stesso tempo professionale. La piattaforma di XTB è anche molto prestante con appena 85 millesimi di secondo che trascorrono in media tra la trasmissione e l’esecuzione di un ordine.

Abbiamo anche un elenco di 2.000+ titoli azionari e 200+ ETF negoziabili senza commissioni. In totale sono 16 le Borse di tutto il mondo su cui possiamo investire, toccando così tutti i principali strumenti finanziari: azioni, ETF, criptovalute, Forex, materie prime, indici e metalli preziosi. Nel caso di azioni ed ETF andremo a investire sugli strumenti sottostanti, mentre sugli altri asset si opera attraverso i CFD.

xstation 5 piattaforma come funziona
La piattaforma di XTB è pensata per essere facile da usare ma completa di tutti gli strumenti più utili

La piattaforma di XTB è intuitiva e ricca di funzionalità. Per ogni strumento finanziario, ad esempio, possiamo utilizzare il calcolatore di trading gratuito per calibrare al meglio la quantità di capitale che vogliamo investire e valutare l’impatto delle oscillazioni sul nostro capitale. Inoltre possiamo decidere se usare la piattaforma sul web o scaricandola sul nostro dispositivo, in modo da renderla ancora più prestante.

Nel complesso XTB è un ottimo broker con una solida piattaforma di trading online: gli oltre 15 anni di storia di questo brand sono la miglior testimonianza della qualità del servizio. Al pari di eToro, è un broker adatto tanto per gli investimenti di lungo termine quanto per il trading speculativo sul breve periodo.

Clicca qui per il sito ufficiale di XTB

 

3. Capex.com

Capex (qui il sito) è un broker giovane rivolto ai giovani. Un sistema accessibile a tutti per investire online, senza complicazioni e senza costi fissi. In questo caso possiamo scegliere tra due piattaforme: il web trader sviluppato direttamente da Capex, oppure la più famosa MetaTrader 5.

Il web trader di Capex è più semplice e meno ricco di funzionalità: rispetto a MetaTrader, è più comodo per trasmettere velocemente un ordine o controllare l’andamento dei mercati. Quando si tratta di fare un’approfondita analisi tecnica e di accedere ai tool più professionali, invece, MT5 è l’alleato ideale di ogni trader. Mettendo insieme le due cose, Capex si posiziona come un servizio completo e in grado di servire ogni esigenza.

Anche in questo caso chi investe in azioni e in criptovalute potrà approfittare di un profilo di costi molto conveniente, dal momento che su questi asset non si pagano commissioni di intermediazione. L’elenco di crypto negoziabili, in particolare, è in continuo aumento e l’offerta è ormai talmente ampia da sfidare apertamente quella di qualunque exchange di criptovalute.

Per aiutarci a scegliere le operazioni di investimento, la piattaforma ha un vasto sistema di funzionalità integrate. Per esempio, ogni giorno possiamo consultare le Bloggers Opinions in cui vengono raccolte le analisi dei principali quotidiani finanziari e blog di investimento al mondo; ci viene anche fornito un elenco di  Insider Hot Stocks, per sapere quali manager stanno comprando o vendendo azioni della società in cui lavorano. Da ultimo, abbiamo uno strumento che traccia l’attività degli hedge funds in modo da sapere dove stanno investendo gli operatori istituzionali.

Capex investe molto anche nella formazione gratuita degli utenti, un aspetto sempre positivo da trovare in un broker online. Non ci sorprende che, malgrado esista solo dal 2016, la sua popolarità sia già notevole.

Clicca qui per investire online su Capex.com

 

4. Markets.com

Markets.com (qui il sito ufficiale) ha fatto una scelta molto interessante per permettere ai suoi clienti di gestire al meglio sia il portafoglio di lungo termine, sia le operazioni di breve termine. Ha realizzato due piattaforme, entrambe di proprietà, chiamate MarketsI e MarketsX. Inoltre questo broker fa parte del gruppo Playtech, società quotata sulla Borsa di Londra e tra le più capitalizzate del Regno Unito.

La piattaforma MarketsI è totalmente dedicata agli investimenti di lungo termine. In questo caso potremo comprare azioni senza commissioni di alcun genere per i primi 90 giorni in cui siamo iscritti al servizio; dopodiché si paga soltanto lo 0,1% del capitale che stiamo investendo, una cifra molto contenuta rispetto ai broker tradizionali. La società ha già anticipato che questa funzionalità verrà estesa agli ETF e ai fondi comuni d’investimento.

piattaforma di trading di markets.com web trader
Il web trader di Markets X si presenta come puoi vedere qui

La seconda piattaforma, MarketsX, è invece dedicata al trading speculativo. In questo caso andremo a operare sui CFD, i classici strumenti derivati impiegati nel trading online che replicano il prezzo del loro sottostante. I CFD ci permettono di accedere facilmente alla leva finanziaria e alla vendita allo scoperto, in modo da massimizzare ogni oscillazione del grafico e poter investire in qualsiasi direzione.

Entrambe le piattaforme sono molto complete e ci offrono tutto ciò che serve per servire al meglio il loro scopo. La separazione tra i due servizi permette di rendere molto fluida l’esperienza di trading, mettendoci di fronte agli occhi ciò che ci serve in ogni momento. Insieme a tutto questo ci viene fornito anche un conto demo illimitato, in modo da poterci esercitare con denaro virtuale per tutto il tempo che riteniamo opportuno.

Clicca qui per provare gratis Markets.com

 

5. Trade.com

Tra le piattaforme di trading più innovative, quella di Trade.com (visita il sito ufficiale) merita a nostro avviso un posto speciale. Si tratta di un broker multi-asset, cioè di una società che offre ai clienti diversi modi per approcciarsi ai mercati finanziari. Questo rende molto particolare anche la sua offerta di piattaforme, che deve adattarsi a tutte le tipologie di investimento offerte.

Per cominciare, abbiamo un web trader sviluppato direttamente da Trade.com con il quale possiamo fare trading sui CFD. Se vogliamo una piattaforma più avanzata, possiamo operare anche attraverso MetaTrader e approfittare di tutte le funzionalità professionali che spaziano dal trading algoritmico ai segnali di trading automatici.

Grazie alla partnership tra Trade.com e Interactive Brokers, poi, abbiamo anche la possibilità di investire su oltre 100.000 asset sottostanti senza passare attraverso i CFD. In questo caso avremo direttamente a disposizione la piattaforma di Interactive Brokers, una delle più apprezzate ed esclusive a livello internazionale.

Da ultimo, abbiamo un’area dedicata all’account management. Chi lo desidera può investire in automatico i suoi fondi attraverso questo servizio, che offre diverse strategie di investimento da seguire passivamente. Gli esperti di Trade.com e gli algoritmi sviluppati da questo broker investiranno i nostri fondi, mentre a noi rimane solo da controllarne la performance.

Clicca qui per il sito ufficiale di Trade.com

 

6. AvaTrade

AvaTrade (visita il sito ufficiale) è un altro broker davvero ottimo per la scelta di piattaforme e per l’affidabilità del servizio in generale. Si tratta di una società attiva a livello europeo dal 2006, che opera anche in Italia da ormai più di un decennio.

piattaforma web trader di avatrade
Il web trader di AvaTrade combina facilità di utilizzo e completezza

La prima piattaforma di AvaTrade è stata MetaTrader: ancora oggi è possibile utilizzarla, con un elenco di strumenti negoziabili che cresce di anno in anno. Negli ultimi anni, però, il broker ha cominciato a puntare sempre di più sulla sua piattaforma proprietaria. Una soluzione nata specificamente per questo broker, che ci permette di accedere a molte funzionalità particolari:

  • Grazie a ZuluTrade, possiamo copiare in automatico qualunque Expert Advisor e qualunque fornitore di segnali su MetaTrader risparmiando sui costi. Anziché pagare un abbonamento mensile o un prezzo iniziale, riconosceremo al nostro fornitore di segnali solo una piccola percentuale dei profitti sui trade vincenti;
  • La piattaforma di AvaTrade ha un sistema di assicurazione contro le perdite. Possiamo pagare un premio iniziale per assicurare le perdite di ogni singolo trade fino a un milione di euro. Nel caso in cui l’operazione si chiuda effettivamente in perdita, saremo rimborsati fino al massimale che abbiamo scelto;
  • AvaTrade offre un’ulteriore piattaforma interamente dedicata al trading di opzioni Forex, strumenti molto speculativi che ci permettono di amplificare di molto le oscillazioni degli strumenti sottostanti.

Per quanto riguarda le opzioni Forex nello specifico, AvaTrade è uno dei pochi broker a offrirle in tutta Europa. Ricordiamo che non si tratta di opzioni binarie, ma di strumenti perfettamente negoziabili ai sensi di legge anche dai trader al dettaglio.

Clicca qui per testare gratis le piattaforme di AvaTrade

 

7. Iq Option

La piattaforma proprietaria di Iq Option (qui il sito ufficiale) è perfetta per gli investitori che si apprestano a fare trading per la prima volta. Tutta l’offerta di questo broker è pensata per adattarsi al meglio alle esigenze dei principianti, incluso il fatto di poter aprire un conto reale con appena 10 euro.

Un altro motivo per valutare IQ Option come primo broker è il fatto di poter accedere a tante risorse formative gratis con cui apprendere le basi del trading. Molte videolezioni sono dedicate proprio all’utilizzo della piattaforma, in modo da poter subito iniziare a sfruttarne il pieno potenziale. Inoltre anche IQ Option offre la possibilità di investire in opzioni Forex, esattamente come AvaTrade.

Clicca qui per provare gratis IQ Option

 

Broker e piattaforme di trading: le differenze

Molti investitori alle prime armi non conoscono la differenza tra un broker e una piattaforma di trading, una differenza che invece è molto importante. Il broker è la società che ha il compito di eseguire i nostri ordini, gestire depositi e prelievi, tenere al sicuro i nostri fondi e decide quali costi pagheremo per investire.

La piattaforma, invece, è puramente un software. Ci permette di visualizzare i grafici degli strumenti finanziari, di trasmettere ordini al broker, controllare il nostro saldo e così via. Quando non esistevano ancora le piattaforme per il trading online, i broker esistevano già da tempo; per la maggior parte i clienti trasmettevano i loro ordini telefonicamente o addirittura recandosi fisicamente a uno sportello.

schema delle differenze tra broker e piattaforma di trading
Quando scegliamo una piattaforma di trading dobbiamo sempre valutare anche i broker con cui è compatibile

Senza un broker sarebbe totalmente impossibile investire. Le Borse Valori, infatti, non accettano che siano gli investitori al dettaglio a comprare e vendere strumenti finanziari presso i loro mercati ufficiali. I risparmiatori privati devono trasmettere gli ordini ai loro broker, che li aggregano e poi li trasmettono in Borsa; talvolta il broker combina gli ordini dei clienti che desiderano eseguire operazioni opposte, oppure acquista i titoli in blocco e poi fa da market maker (cioè da diretta controparte).

La piattaforma di trading è uno strumento che il broker ci mette a disposizione per semplificare le operazioni e poter accedere a un numero maggiore di funzionalità. Ecco perché quando scegliamo la nostra piattaforma di trading, dovremmo sempre dare anche molta importanza al broker o ai broker compatibli con il servizio.

Come scegliere una piattaforma di trading

Ci sono molti elementi che ti possono guidare nella scelta di una buona piattaforma di trading. La cosa imprescindibile è che sia quantomeno compatibile con un broker autorizzato da Consob. La Consob è l’ente che si occupa di autorizzare le operazioni delle società d’investimento in Italia, dopo aver fatto tutte le dovute verifiche sulla sicurezza del servizio. Se una piattaforma non è compatibile con nessun broker autorizzato, significa che non potremo utilizzarla per fare trading in sicurezza.

A questo punto possiamo distinguere due categorie di fattori: quelli legati alla piattaforma in senso stretto e quelli legati al broker più in generale. Le due cose sono praticamente inseparabili. A nessuno piace ritrovarsi con una buona piattaforma ma un broker inaffidabile, con costi alti e pochi strumenti negoziabili. A conti fatti la scelta del broker sarà quella che influenzerà di più la nostra esperienza di trading, per cui sarebbe poco efficace concentrarci solo sulla piattaforma.

La seconda categoria di fattori riguarda invece la piattaforma in senso stretto. Alcune di queste, come i grafici e gli strumenti di analisi tecnica, sono presenti su tutte le piattaforme e possiamo giudicare quali le abbiano implementate meglio; altre invece sono più specifiche, magari presenti solo su una o una manciata di piattaforme, per cui dovremo bilanciare anche questi aspetti nel momento in cui decidiamo che piattaforma usare.

Aspetti connessi al broker

Cominciamo dagli aspetti che riguardano la scelta del broker. L’ideale sarebbe partire da una selezione degli intermediari che ci piacciono di più per poi passare a valutare le loro piattaforme. Come abbiamo accennato, è essenziale come prima cosa analizzare solo broker regolamentati in Europa e autorizzati da Consob a operare in Italia.

costi e le commissioni sono uno dei primi temi che dovremo approfondire. Ogni broker può applicare un modello diverso di costi di intermediazione: costi fissi o variabili, commissioni su depositi e prelievi, interessi sulla leva finanziaria e così via. Alcuni servizi, come eToro, ci permettono anche di investire su alcune categorie di strumenti finanziari senza commissioni.

Dovremmo sempre verificare anche l’elenco di strumenti negoziabili di ciascun broker. Alcuni si specializzano solo su un singolo mercato, ad esempio i broker Forex che in totale offrono 40-50 di coppie di valute su cui fare trading; dall’altra parte ci sono servizi come XTB che offrono migliaia di strumenti negoziabili divisi in tante categorie diverse di strumenti finanziari. Le più comuni sono azioni, criptovalute, Forex, ETF, indici, materie prime, opzioni e obbligazioni.

Altro punto importante è la gestione del conto. Questo aspetto riguarda depositi, prelievi, metodi di pagamento e tutela dei nostri fondi. I broker autorizzati Consob sono tutti tenuti a mantenere i fondi in conti correnti sicuri, ma comunque ci sono differenze tra un servizio e l’altro. Alcuni broker applicano costi sui movimenti del conto, altri no; certi ci permettono di depositare in euro mentre altri convertono tutti i depositi in dollari americani; alcuni hanno un deposito minimo più alto e altri più basso, e così via.

Da ultimo, teniamo sempre a mente che ciascun broker potrebbe avere le sue soluzioni uniche per offrire un’esperienza migliore ai clienti. Per fare un esempio, Trade.com ti permette di scegliere se investire in prima persona o copiare in automatico dei fondi gestiti dagli esperti del broker.

Aspetti legati alla piattaforma

Passando agli aspetti più strettamente legati alla piattaforma, abbiamo diversi elementi da considerare. Il primo possono essere, ad esempio, i grafici: se ci basiamo molto sull’andamento del prezzo per le nostre strategie, allora ci sarà utile avere un elenco completo di indicatori e strumenti di analisi tecnica.

Una seconda funzionalità molto utile, soprattutto per i trader meno esperti, è il CopyTrading. Avere la possibilità di copiare in automatico le mosse di altri investitori, imparando anche dalle loro mosse, ci offre una possibilità unica di automatizzare le nostre operazioni. La piattaforma più famosa per questo tipo di funzionalità è quella di eToro, la prima a offrire il copy trading e la più utilizzata per praticarlo.

Un trader più esperto potrebbe invece essere interessato al trading algoritmico. Oggi ci sono diverse piattaforme che permettono anche ai retail trader di sviluppare e utilizzare dei robot di trading per le loro operazioni. La più celebre è MetaTrader, alla quale possiamo accedere con diversi broker tra cui Trade.com e Capex.

Attenzione anche alla velocità di esecuzione degli ordini, che dipende sia dal broker che dalla piattaforma. Questo è un aspetto importante soprattutto quando vogliamo fare trading sul breve termine, quando un decimo di secondo può fare la differenza.

Da ultimo, le piattaforme migliori offrono vari strumenti per analizzare gli strumenti finanziari. Esempi sono il calendario economico, i dati di bilancio delle aziende o il sentiment di mercato dei trader che utilizzano lo stesso software. In generale le piattaforme stanno diventando sempre di più dei centri integrati per gestire le operazioni di trading, dalla raccolta di informazioni fino alla trasmissione degli ordini al broker.

FAQ

Qual è la migliore piattaforma di trading per principianti?

eToro e IQ Option offrono le due migliori piattaforme per i trader alle prime armi. Sono molto semplici da usare anche per chi non ha esperienza, ed è possibile esercitarsi senza limiti con il conto demo.

Qual è la migliore piattaforme per il trading algoritmico?

MetaTrader rimane il punto di riferimento per i trader che vogliono fare trading con algoritmi e robot automatici. La piattaforma ha un suo ambiente di sviluppo e persino un linguaggio di programmazione proprietario, pensato apposta per i trader.

Che differenza c’è tra broker e piattaforma di trading?

Il broker è la società che si occupa di eseguire i nostri ordini, custodire i titoli e i fondi che abbiamo in portafoglio, accettare i nostri depositi e pagare i prelievi. La piattaforma è il software informatico con cui gestiamo tutti questi aspetti.

Come si distinguono le piattaforme di trading sicure dalle truffe?

Una piattaforma di trading di per sé, essendo un puro strumento informatico, non può essere una truffa. La cosa importante è sempre utilizzare la nostra piattaforma con un broker regolamentato e autorizzato da Consob a operare in Italia.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

alessandro

Related Posts

Widiba conviene? Recensione di conto, carte e investimenti

Widiba conviene? Recensione di conto, carte e investimenti

eToro Opinioni, Recensioni, Pro e Contro, Alternative – 2022

eToro Opinioni, Recensioni, Pro e Contro, Alternative – 2022

Vivid Money conviene? Recensione imparziale e opinioni [2022]

Vivid Money conviene? Recensione imparziale e opinioni [2022]

Trade.com, 5 Motivi per cui Amiamo il servizio di questo Broker Online

Trade.com, 5 Motivi per cui Amiamo il servizio di questo Broker Online

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.